Viaggio a Londra con i bambini (i consigli di Arianna e Viviana)

18 febbraio 2015 by Simone | Filed under Introduzione.

Sì, lo so, ho detto che avremmo finalmente scoperto cosa vedere a Londra, ma non ci siamo dimenticati qualcuno? Se anche noi siamo come i genitori del famoso film “Mamma ho perso l’ aereo”, allora siamo ancora in tempo a rimediare! 😉

Scherzi a parte, premetto innanzitutto che io non sono un papà. Ma dato alcune richieste che mi sono arrivate, mi sono reso conto che nel mio blog mancava una sezione molto importante, spesso trascurata da altri blogger, che è proprio la parte che stai per leggere. Come fare allora? Semplice, ho raccolto le risorse che mi sono sembrate più utili, e la scelta è ricaduta inevitabilmente su due bellissimi blog.

Il primo che consiglio (ma non solo per questa città, troveremo infatti tante altre recensioni di altri viaggi), è senza ombra di dubbio quello di Francesca, Ketty e Viviana, le tre mamme webmasters di KeVitaFareLaMamma.it. E’ tutto da leggere, ed è scritto molto bene, quindi vi rimando direttamente a Viviana! 😉

Ecco ora invece alcuni importanti consigli che ci suggerisce Arianna, autrice del blog www.diventaremamme.it, che mi sono permesso di estrapolare ed esporre qui.

Come ci racconta, dato che visitare Londra richiede tempo ed energie, per ridurre al minimo le perdite di tempo è consigliabile partire di prima mattina e tornare con un volo serale. La permanenza deve essere possibilmente di almeno 3 notti, per avere qualche ricordo nitido in futuro di essere stati davvero nella City (qui puoi leggere cosa vedere a Londra in 3 giorni) 😉

Arianna ci consiglia, per gli spostamenti col bebè, un passeggino molto leggero, in quanto dovremo fare molto spesso le scale nella tube; una volta arrivati finalmente nel nostro albergo a Londra,cosa vedere per prima cosa prima ancora delle attrazioni? Ma ovviamente fuori dalla finestra! Proprio come negli stereotipi, si sa che pioverà spesso, quindi ombrello e impermeabile per noi e copertura trasparente per il passeggino.

Il tempo meteorologico ideale per il bimbo lo troveremo nel clima mite che caratterizza, sfortune a parte, i mesi tra giugno e settembre. Come suggerivo anche io poco fa, portiamoci un guardaroba per tutte le stagioni, l’ ultima cosa che vogliamo è che il pargolo abbia freddo! Se il tempo è avverso ma vogliamo vedere comunque qualcosa senza bagnarci troppo, puoi leggere questa pagina.

Per prenotare il volo che ci porterà a Londra, acquistiamo con discreto anticipo il biglietto, in modo da trovarlo a poco prezzo: in tal modo, in caso di eventuali malattie del bimbo, non avremo buttato via tanti soldi se decidessimo di non partire. Ricordatevi, anche se non lo usa più, un ciuccio, che allevia il fastidio alle orecchie in fase di decollo e atterraggio.

La nostra Arianna ci suggerisce anche di portare con noi, come medicinali, una tachipirina in gocce (che rispetta le dosi massime per i liquidi nel bagaglio a mano), del nurofen (meglio col certificato del pediatra, per evitare problemi), un antibiotico in polvere (e possibilmente da non tenere in frigo), e suppostine di glicerina se il bambino ha problemi nell’ andare in bagno.

Cibo: per i bebè sopra i due anni, panini e formaggini sono alleati preziosi per tamponare la fame. E dopo il cibo? Dato che non abbiamo certezza di trovare bagni sempre igienici, salviette profumate e vasino da viaggio: comodo, in quanto aprendolo diventa un riduttore.

Ultimissima cosa che ci ricorda Arianna, non portiamoci valigie straboccanti di cose superflue. Basta un trolley coi vestiti essenziali per i giorni in cui saremo fuori casa (ovviamente, al contrario, per il piccolo è meglio abbondare) e uno zaino contenente le prime necessità (medicine, biberon, ecc..).

Concludo ringraziando molto Arianna che ha raccontato la sua esperienza nel suo sito web (data la mia carente esperienza in materia, per ora..) e seguitela nei suoi viaggi, troverete consigli utili e interessanti!

Ora, sia che siamo tra amici, in coppia, o in famiglia allargata, scopriamo finalmente cosa vedere a Londra nel prossimo post! 😉

 

 


Tags: , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *